Balestrieri Lionello (1872-1958). Biografia. Quadri in vendita.

lionello-balestrieri-foto-prontoLionello Balestrieri nacque a Cetona, in provincia di Siena, il 12 settembre 1872. Iniziati gli studi all’Accademia di Roma, li terminò a quella di Napoli, dove fu l’allievo preferito di Domenico Morelli. Nel 1897 si trasferì a Parigi ed espose al Salon, In attesa della gloria in cui ritrasse se stesso e l’amico poeta Giuseppe Vannicola, con cui condivideva l’esperienza parigina mentre, l’anno seguente, presentò La morte di Mimi.

Nel 1900 collaborò come illustratore al periodico bolognese “Italia ride”. Vinse la medaglia d’oro all’Esposizione Universale di Parigi con Beethoven, acquistato dal Museo Revoltella di Trieste. Il dipinto, che contribuì ad accrescere la sua notorietà, fu ripresentata alla Biennale veneziana del 1901 e in altre esposizioni europee e americane.

Nello stesso anno partecipò al Concorso Alinari per la Divina Commedia presentando circa 30 disegni per il Paradiso e, nel 1902, espose le illustrazioni per l’IX canto alla Mostra romana della Società Amatori e Cultori di Belle Arti. Nel 1900 inviò al Salone Triennale di Belle Arti di Bruxelles Chopin e Pensierosa. Nella sala internazionale della V Biennale di Venezia figurarono, invece, La lettrice e Gli ultimi giorni di Domenico Morelli. Sempre a Venezia, nel 1905 e nel 1907, espose opere grafiche incise a più colori su una sola lastra: La serenata, I vespri, Il crepuscolo degli Dei e Vecchio ponte di Heidelberg.

Nel 1914 ottenne la direzione del Museo Industriale e poi dell’Istituto di Belle Arti, facendo adottare lo studio dal vero come base d’insegnamento. Fu, dunque, invitato a far parte di numerose commissione per la riforma della scuola dell’arte.

Morì a Cetona il 24 ottobre 1958.

CATALOGO OPERE | VUOI VENDERE O COMPRARE UN QUADRO DI QUESTO ARTISTA?