Inverno 2017-2018

Inverno 2017 - 2018 a Cortina d'Ampezzo

24 dicembre - 7 gennaio

 

Le Muse 1

Corso Italia, 21

Pannello CORSO ITALIA NATALE  2017 bis

 

 

Le Muse 2

 Piazza Silvestro Franceschi, 6

Poster mostra Le Muse 2 inverno 2017 bis


Da Signorini a De Nittis

titolo_Le_Muse_2_pulito.png

ESTATE 2017 CORTINA D'AMPEZZO - Le Muse 2 dal 5 agosto al 3 settembre

La mostra Da Signorini a De Nittis. L'Ottocento aperto al mondo nelle collezioni Borgiotti e Piceni ha costituito uno degli eventi clou del 2016- '17. Promossa dalle Fondazioni Matteucci ed Enrico Piceni, è stata ospitata prima a Viareggio presso la stessa Fondazione Matteucci, poi a Torino negli spazi espositivi dell'Istituto Finanziario Ersel. Sull'onda del grande successo di pubblico e di critica, gli eredi dei due noti studiosi esperti dell'Ottocento hanno accolto con entusiasmo l'invito della Società di Belle Arti di presentare anche a Cortina, nella sede della galleria Le Muse 2, una scelta molto selezionata di alcune delle opere più rappresentative delle storiche collezioni.

 

Per chi non ha avuto modo di visitare le precedenti rassegne, sarà dunque l'occasione per vedere a confronto la Scuola Macchiaiola e quella Impressionista attraverso capolavori quali Soldati del '59 di Fattori, L'uncinetto di Signorini, Nei campi intorno a Londra di De Nittis e Le Moulin de la Galette di Zandomeneghi.

 

La mostra è accompagnata da un catalogo con testi di Flavie Durant Ruel, Claudia Fulgheri e Camilla Testi.

 

                            giovanni-fattori-vendita-quadri                 federico-zandomeneghi-quadri-vendita-ok

 

 

                                          Giovanni Fattori  (1825 - 1908)                                             Federico Zandomeneghi (1841 - 1917)

                                       "Barrocciai. Vecchio centro di Firenze"                                                          "Il salottino rosso"        

                                                          1880 circa                                                                                      1899 ca.  

                                                   olio su tela, cm 30x24                                                     olio su carta applicata su tela, cm 29x23     

 

5 agosto - 3 settembre 2017

10.00-13.00/16.00 -20.00

Galleria Le Muse 2 - piazza Franceschi, 6 - Cortina d'Ampezzo

info@sba.it

 


Il grande Ottocento

 

grande_800_-_titolo_azzurro.png

  

ESTATE 2017 CORTINA D'AMPEZZO - Le Muse 1 dal 5 agosto al 3 settembre

Da Hayez a Induno, da Fattori a Ghiglia, da Giacinto Gigante ad Antonio Mancini, i grandi maestri, che con stile e creatività hanno contribuito all'affermazione europea della pittura italiana dell'800, sono rappresentati in una panoramica di circa quaranta capolavori provenienti da importanti collezioni private. Spiccano la grande scena militare di Panerai, uno dei quadri più complessi e impegnativi della produzione d'impronta fattoriana, la Pesca in laguna di Guglielmo Ciardi, espressione di ampio respiro del poetico plein air del moderno vedutista veneziano e il ritrovato Ritratto di giovinetta di Domenico Induno, nel quale la linea di estrema eleganza della colta accademia lombarda di Hayez, alla quale Domenico si è formato, si fonde con un'armonica combinazione cromatica, ponendo  il narratore milanese in sintonia con il maestro di Mountauban.

 

              Induno_D.jpg   Panerai_R.jpg

 

                            Domenico Induno (1815 - 1878)                                                Ruggero Panerai (1862 - 1923)

                                 "Adolescente con fiori"                                                                   "Militari in perlustrazione"

                                           1846                                                                                               

                               olio su tela, cm 90,6x76                                                                 olio su tela, cm 129,6x209,6

 

  

 

   

  


Vibrazioni -Cortina estate 2016

SBA cartolina Cortina-1

 

IMG 2493 

 

IMG 2500

                                                                               
                                          

Mario Cavaglieri. Sguardi e atmosfere

L'estate cortinese celebra il genio di Mario Cavaglieri
sino al 4 settembre a Le Muse Galleria d'Arte

 

                                IMG 1677

 

IMG 1681 

IMG 1666

                                                                                   

 

La mostra certamente più intrigante dell'estate cortinese è quella che Le Muse - Società di Belle Arti dedica, nella sua centralissima sede espositiva di piazza Silvestro Franceschi (Galleria Royal), 6 al grande Mario Cavaglieri.

La rassegna offre una attenta selezione di opere dell'originale pittore rodigino, molte conosciutissime e altre che per la prima volta vengono presentare al pubblico, emergendo da una importante collezione privata italiana.
Cavaglieri si conferma un pittore di raro edonismo, attratto dall'eleganza dei salotti mondani di fin de siècle; si potrebbe quasi affermare che la sua pittura possiede un intrinseco incanto letterario; così alcune stoffe, cappelli, arredi, orologi, resi con opulenza barocca, sembrano affiorare dalle pagine di taluni romanzi dannunziani. Non a caso il suo nome è stato accostato a quello del Vate, entrambi affascinati dalle belle donne e dal lusso, seppur sensibili ai paesaggi ed alla natura. Dal milieu sociale, insomma, di quel mondo agiato e, per certi versi, eccentrico tanto ben descritto da Thomas Mann e da Luchino Visconti.

Donne belle e selvagge, colori ed emozioni forti. Ma anche i silenzi e la dolcezza del paesaggio naturale. Tutto questo è Mario Cavaglieri (1887-1969), un artista che per molti è oggetto di culto e tuttavia "nascosto" ai più.

"Nato nel 1887 a Rovigo, in una doviziosa famiglia della borghesia ebraica, Cavaglieri condivide il destino di quegli artisti socialmente privilegiati che, potendo contare su un vasto patrimonio di famiglia, non devono preoccuparsi di promuovere il proprio lavoro nei circuiti mercantili, appagati dalla benevolenza di studiosi di rango e di raffinati collezionisti. Senza dimenticare che nel 1925, pur continuando a dipingere, si ritirò a vivere in volontaria "clausura" in un'antica tenuta della campagna francese, a Pavie-sur-Gers, in Guascogna, dove morirà nel 1969". A ricordarlo nel breve ma acuto intervento introduttivo alla mostra cortinese è Ada Masoero. Che annota ancora: "Forse, oltre all'ascesa del fascismo, a indurlo al ritiro in Francia fu la consapevolezza della fine dell'epoca di cui era stato interprete così felice, cantore di quel mondo opulento che nell'alta borghesia europea perpetuò rituali e mode degli anni scintillanti della Belle Époque sino al primo dopoguerra. Oggetto dei suoi dipinti, gli «sguardi» e le «atmosfere» di un mondo lucente e ovattato al tempo stesso, in cui donne elegantissime (come nello splendido Incroyable-L'Aigrette, 1914, o nel non meno fascinoso Fuffi, 1920), disinibite e sicure di sé (Nudo con l'ombrellino, 1926 ca.), abitano interni opulenti e un po' soffocanti, decorati in stile neo-rococò (Interno veneziano, 1918) o secondo il ricercato gusto orientalista (Estremo Oriente, 1922), oppure ostentano - ma con consumata indifferenza - l'antico lignaggio: come nel seducente L'orologio regalato da Napoleone I, dove Giulietta, composta e raffinatissima, siede di fronte alla pendola donata dall'Empereur al defunto marito, il conte Marazzani Visconti.
Ma ciò che oggi, come allora, accresce il fascino della pittura di Cavaglieri è l'assoluta originalità dello stile: aggiornato su tutte le novità che giungevano dalla Mitteleuropa delle Secessioni, non meno che sulle innovazioni francesi (da Bonnard e Vuillard a Matisse e i Fauves), Cavaglieri diede vita a una pittura personalissima e accattivante, nella quale a una rigorosa linearità si somma l'uso di impasti cromatici sensuali e cremosi, spesso spremuti direttamente sulla tela dal tubetto". 

 

BIOGRAFIA

 

MARIO CAVAGLIERI. Sguardi ed atmosfere, a cura della Società di Belle Arti, con un'introduzione di Ada Masoero,

Cortina d'Ampezzo, Le Muse Galleria d'Arte (piazza Silvestro Franceschi - Galleria Royal), 6).

Dal 6 agosto al 4 settembre 2016

Orario: tutti i giorni 10-13 / 16-20. Ingresso libero.

  

 

 RASSEGNA STAMPA

 

SOLE 24 ORE - DOMENICALE 14.08.2016

SOLE 24 ORE dOMENICALE 14.08.2016

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Inverno 2015-2016

CORTINA D'AMPEZZO Stagione artistica 2015-2016

 

 Le Muse 1  MAESTRI DEL XIX-XX  SECOLO
 

Corso Italia, 21

26 dicembre - 6 gennaio

orario: 10.00-13.00 / 16.30-20.00
 

  

  

Le Muse 2 piazza Silvestro Franceschi, 6 LLEWELYN LLOYD. DIALOGO CON IL QUOTIDIANO
 muse 1 muse 2 
 muse3  muse4

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Da Fattori a Sironi

 Cortina d'Ampezzo

              

fattori siri

 

Le Muse Gallerie d'Arte

6-30 agosto 2015

corso Italia 21

piazza Silvestro Franceschi, 6


Cortina, febbraio -marzo 2015

 CORTINA D'AMPEZZO

 Mose Levy Rientro dei trabaccoli ok

               Galleria Le Muse

             corso Italia, 21 Cortina d'Ampezzo

           Moses Levy: Luce Marina

                    24 febbraio 2015 - 15 marzo 2015   

 

 

Fattori-Giovanni-La-Punta-del-Romito 

           Galleria Le Muse

        piazza Silvestro Franceschi, 6 Cortina d'Ampezzo

                 24 febbraio  2015 - 15 marzo 2015   

                                                                    

           

           

 

 

 

 

 

 

 


Cortina inverno 2014-'15

 CORTINA D'AMPEZZO

Fornara-Carlo-Natura-morta

               Galleria Le Muse

             corso Italia, 21 Cortina d'Ampezzo

                    26 dicembre 2014 - 7 gennaio 2015   

 

 

Fattori-Giovanni-La-Punta-del-Romito 

           Galleria Le Muse

        piazza Silvestro Franceschi, 6 Cortina d'Ampezzo

                 26 dicembre 2014 - 7 gennaio 2015