Funi Achille (1890-1972). Biografia. Quadri in vendita.

funi-achille-autoritrattoVirgilio Socrate Funi, in arte Achille, nacque a Ferrara il 26 febbraio 1890. All’età di dodici anni prese a frequentare l’Istituto d’Arte “Dosso Dossi” nel Palazzo dei Diamanti. Qui seguì i corsi di figura, plastica e decorazione sotto la guida di Angelo Longanesi Cattani, Luigi Legnani e Giuseppe Ravegnani. Prese anche lezioni private di pittura dal maestro Nicola Laurenti. Qualche anno dopo si trasferì a Milano iscrivendosi al corso di figura all’Accademia di Brera. Frequentò i corsi speciali di pittura di Tallone entrando in contatto con Carrà, Boccioni e il gruppo futurista. Nel 1909 espose Aratura al Premio Brera presso il Palazzo della Permanente. L’opera ottenne l’attenzione di Boccioni che avvicinò, nel suo giudizio, il bifolco a certe forme di contadini di Fattori.

Nel 1914 partecipò alla mostra di Nuove tendenze presso la Famiglia Artistica, vivace associazione culturale milanese. Nel 1915 partì per il fronte nel Battaglione Lombardo Volontari Ciclisti con Marinetti, Boccioni, Sironi e Bucci. L’anno successivo entrò nel corpo degli Alpini; durante questo periodo disegnò moltissimo anche se gran parte dei fogli andarono perduti dopo la ritirata di Caporetto. Dal 1915 al ‘20 operò in ambito futurista. Alla fine del ‘22 fu tra i fondatori del gruppo Novecento che faceva capo alla Galleria Pesaro, nelle cui vetrine di via Manzoni gli artisti esponevano a rotazione, una settimana ciascuno. Nel marzo del ‘23 si inaugurò alla Galleria Pesaro la mostra permanente del “Novecento alla presenza di Mussolini”. Nel 1924 Funi, oltre ad esordire alla XIV Biennale veneziana, dipinse due fra i suoi maggiori capolavori: Saffo e Rebecca al pozzo. Nel 1931 si presentò alla Quadriennale di Roma come appartenente alla “scuola di Milano” con nove opere ( tra cui Ragazze alla finestra, L’amatore di stampe, Il Foro Romano etc”). Dal 1946 al ‘53 insegnò pittura all’Accademia Carrara di Bergamo della quale fu anche direttore. Nel 1948 ottenne la cattedra di Affresco all’Accademia di Brera, incarico già ricoperto in precedenza. Dopo aver lasciato, nel 1960, per limiti di età la direzione di Brera, nel ’61 ottenne una medaglia d’argento per meriti culturali, artistici e didattici dal Ministero della Pubblica Istruzione.

Da questo momento si divise tra lo studio milanese e le estati in Versilia. La vita appartata e laboriosa non gli impedì, però, di frequentare allievi, artisti, critici, come l’amico Raffaele De Grada, e Luigi Colombo proprietario della Galleria Carini, che dalla fine degli anni Cinquanta ne seguì da vicino il lavoro.

Funi morì ad Appiano Gentile il 26 luglio 1972.

CATALOGO OPERE  |  VUOI VENDERE O COMPRARE UN QUADRO DI QUESTO ARTISTA?