X

Moses Levy, Due fanciulle arabe ridenti

Категория: Il Novecento

Due fanciulle arabe ridenti, 1914 ca.

 

olio su cartone, cm 74 x 90
firmato e datato in basso a destra: "Moses Levy 1914"


 





BIOGRAFIA | VUOI VENDERE O COMPRARE UN QUADRO DI QUESTO ARTISTA?


 

Moses Levy, ebreo di padre inglese e madre livornese, nato a Tunisi e stabilitosi adolescente a Rigoli, nell’entroterra pisano, amico di Viani dagli anni lucchesi dell’Istituto d’Arte, combina un segno di ascendenza fattoriana, visibile soprattutto nella produzione grafica particolarmente intensa per i due primi decenni, con l’accesa violenza cromatica di Van Dongen – ammirato nella Ragazza in bianco alla Prima Secessione – applicata a soggetti tunisini, come appare nelle Due fanciulle arabe ridenti.

Susanna Ragionieri, in  catalogo della mostra Prima e dopo la Secessione Romana. Pittura in Italia 1900-1935 (catalogo della mostra), Centro Matteucci per l’Arte Moderna, Viareggio, 2013, p. 63

 



Esposizioni
 
Palazzo Paolina, Moses Levy, Viareggio, settembre-ottobre 1980, tav. 102; Villa “Il Poggio”, L’officina del colore. Diffusione del fauvisme in Toscana, Crespina, 23 settembre-29 ottobre 2000, p. 102, tav. 40; Palazzo Mediceo, Moses Levy. Le stagioni del colore, Seravezza, 13 luglio-6 ottobre 2002, p. 77, n. 5

 



Bibliografia
 
C. L. Ragghianti, Moses Levy, collana “Saggi e Studi”, Firenze, 1975, n. 126; F. Cagianelli, Il “vento dei fauves” in Toscana attraverso le Secessioni di Roma e le Biennali di Venezia, in catalogo della mostra (Crespina, 2000), p. 70

    back
torna indietro


 

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish.