Lloyd Llewelyn(1879-1849). Biografia. Quadri in vendita.

Livorno 1879 – Firenze 1849

Llewelyn-Lloyd-vendita-dipinti-postmacchiaioliRimasto orfano in giovane età fu affidato allo zio paterno che cercò di indirizzarlo verso un’attività commerciale, osteggiando le sue inclinazioni artistiche.
La sua formazione avvenne quindi inizialmente da autodidatta frequentando  dal 1894 al 1899 lo studio di Guglielmo Micheli, amico di Fattori. Ciò permise al giovane Llewelyn di stringere amicizia con Oscar Ghiglia,  Romiti, Natali e Modigliani. Nel 1897 partecipò alla Società promotrice fiorentina con il dipinto Mattino a Calambrone. Qualche anno più tardi frequentò i corsi alla scuola libera di nudo tenuti da Fattori. E’ di questi anni l’esperienza divisionista condivisa con gli amici  Discovolo e Lori ; ne sono un chiaro esempio i dipinti I Ponti di Manarola del 1904, Le Gramignaie del 1906, e il trittico Giardino in fiore premiato nel 1908 alla LXI Esposizione annuale di Belle Arti fiorentina. Nel 1907 si recò, per la prima volta, all’Isola d’Elba. La bellezza naturale del paesaggio lo porterà a tornarci ogni anno acquistando, nel 1913, una casa a Marciana Marina. I paesaggi dell’Elba diverrano quindi soggetti privilegiati dei suoi dipinti ( Crepuscolo all’isola d’Elba e Il castagno morto saranno presentati alla I Secessione Romana del 1913). Negli anni venti partecipò a numerose rassegne  italiane e nel 1929 fu incaricato, insieme a G.A. Sartorio e A. Pomi, di ritrarre le navi da guerra della Marina italiana. Si imbarcò quindi sul “Quarto” che lo portò in Spagna, Portolgallo e Tripolitania. I lavori compiuti durante questa crociera furono poi esposti alla III Mostra d’arte marinara a Roma. Sempre nel ’29 pubblicò a Firenze, con l’editore Nemi, il volume La pittura dell’Ottocento in Italia. Il decennio successivo lo vide protagonista di numerose mostre allestite nel capoluogo toscano . Da ricordare anche la realizzazione di cartoni per mosaici destinati a edifici di Hong Kong grazia all’interessamento del figlio William e dell’amico R.Bigazzi, commerciante d’arte italiana in Oriente. Seguirono gli anni del secondo conflitto mondiale durante i quale visse l’esperienza dei campi di concentramento. Morì nel 1949 al termine di una lunga estate trascorsa nell’amata isola d’Elba.


CATALOGO OPERE:
Tramonto sul tombolo

Panorama di Firenze

Gwendolen in kimono rosso

La spiaggia di Marciana Marina

PRESENTAZIONE SBA DEL 2000

 

 

VUOI VENDERE O COMPRARE UN QUADRO DI QUESTO ARTISTA?