Ademollo Carlo (1824-1911). Biografia. Quadri in vendita.

Carlo Ademollo nacque a Firenze nel 1824. Dopo aver frequentato l’Accademia, a cui si era iscritto nel 1838, approfondì gli studi con Giuseppe Bezzuoli specializzandosi in vedute e quadri di genere storico. Esordì alla Promotrice del 1848. Intorno al ‘50 entrò nel gruppo di Staggia dipingendo la natura e i contadini. Frequentò il Caffè Michelangiolo, dove, nel 1840 affrescò la Disfida di Barletta, ed entrò in contatto con il gruppo dei Macchiaioli senza, però, aderirvi mai completamente.

Nel 1859 partì volontario nella II Guerra di Indipendenza e nel 1867 seguì Garibaldi nelle battaglie di Mentana e Villa Glori. Eseguì alcune opere dedicate ai principali fatti del Risorgimento tra cui la trilogia dedicata alla morte di Anna Cuminello (1859), L’ultimo assalto a San Martino (1861), La morte di Ernesto Cairoli alla battaglia di Varese (1861), l’Incontro di Teano, La morte di Anita Garibaldi, Soldati che tornano dalla Crimea. Nel 1866 fu nominato da Vittorio Emanuele II “Pittore dell’Armata Italiana”.

Nel 1867 espose Ugo Bassi davanti al Consiglio Statario e l’anno seguente, su commissione di Adele Cairoli, La morte di Enrico Cairoli. Tra i suoi dipinti più celebri: La breccia di Porta Pia (1870) e L’esecuzione di Filippo Orsini (1875). Nel 1869 fu nominato professore all’Accademia di Belle Arti di Firenze, città dove morì il 15 luglio 1911.

CATALOGO OPERE  |  VUOI VENDERE O COMPRARE UN QUADRO DI QUESTO ARTISTA?