X

Ardengo Soffici, I giocatori

Категория: Il Novecento

I giocatori, 1909 

 

olio su cartone, cm 49,5 x 70
firmato in basso a sinistra: «Soffici»; sul retro la scritta: «Mulino di Bulciano 1909» e studio di paesaggio

 



BIOGRAFIA | VUOI VENDERE O COMPRARE UN QUADRO DI QUESTO ARTISTA?


 

I giocatori fu eseguito nel 1909, due anni dopo il ritorno da Parigi dove aveva vissuto sin dal 1900, assorbendone avidamente la cultura pittorica e letteraria, da Baudelaire a Rimbaud, Max Jacob, Apollinaire. Al rientro in Italia, sebbene vivesse fuori città e con pochissimi mezzi, Soffici seppe però veramente – come dice Luigi Cavallo – portare “L’Europa in Toscana”, diffondendo attraverso numerose riviste le novità d’Oltralpe: scrisse di Cézanne e di Denis, di Medardo Rosso, di Rousseau il Doganiere, di Braque e Picasso e degli impressionisti (intesi però in un’accezione più ampia), poi portati a Firenze nel 1910 con la Prima Mostra Italiana dell’Impressionismo francese. Di tutti prediligeva Cézanne (postimpressionista in realtà), perché profeta del cubismo: e come non ritrovare nei suoi Giocatori un’eco evidente, nel tema, nell’impaginazione e nel consolidamento delle forme, dei celeberrimi Giocatori di carte e dei Fumatori di pipa del francese? Benché a Giovanni Boine, che gli chiedeva del suo debito nei confronti del maestro di Aix, rispondesse: «La mia pittura assomiglia davvero un po’ alla sua, ma il valore ne è (hélas!) molto più piccolo. Eppoi io ho voluto e sono riuscito [...] a restare italiano, e questo è per me importantissimo». Cézanne sì, dunque, ma letto con gli occhi di chi conosceva bene Giotto, Masaccio, Paolo Uccello.

A. Masoero, in Prima e dopo la Secessione Romana. Pittura in Italia 1900-1935 (catalogo della mostra), Centro Matteucci per l’Arte Moderna, Viareggio, 2013, p. 50.

 


Esposizioni 

Centro Matteucci per l’Arte Moderna, Prima e dopo la Secessione Romana. Pittura in Italia 1900-1935, Viareggio, 20 luglio-3 novembre, n. 9.

 


Bibliografia 


G. Raimondi-L. Cavallo, Ardengo Soffici, Nuove Edizioni Enrico Vallecchi, Firenze, 1967, pp. 87, CCXV, n. 103 (ripr.); A. Masoero, in catalogo della mostra (Viareggio, 2013), p. 50.

    back
torna indietro


 

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish.