X

Gioli Francesco (1846-1922). Biografia. Quadri in vendita.

San Frediano a Settimo (Pisa) 1846 - Firenze 1922

Francesco-Gioli-vendita-dipinti-postmacchiaioliFiglio di Ranieri Gioli e Rosa Del Panta, nacque a San Frediano a Settimo il 29 giugno 1846. Frequentò l’Accademia pisana sotto la guida dell’allora direttore Marianini; la morte di quest’ultimo nel 1863 lo spinse a spostarsi a Firenze dove continuò gli studi seguendo gli insegnamenti di Pollastrini e successivamente di Ciseri. Nel 1868 esordì a Firenze con il dipinto Carlo Emanuele di Savoia che caccia l’ambasciatore spagnolo per il quale venne premiato anche a Pistoia. Grazie ai contatti con Telemaco Signorini e Giovanni Fattori, approdò alla pittura dal vero di soggetto campestre: Incontro in Maremma, Passa il viatico, Il guado e Mietitura costituiscono l’espressione del Naturalismo toscano in cui egli riuscì a trasmettere  la nostalgia dei tempi trascorsi e il  disagio nei confronti dell’avanzare del progresso. Agli inizi del Novecento orientò la  produzione sulle vedute fiorentine dando particolare risalto alla resa atmosferica e luministica in senso impressionista (Tramonto d’autunno, 1902; Vecchi suoni, 1914) sulla base dei dipinti internazionali ammirati alle Biennali veneziane. Fu professore all’Accademia di Bologna e di Firenze. Nel 1914 la Biennale di Venezia gli riservò una sala personale con 53 opere, decretandone il successo a livello internazionale. Morì il 4 febbraio 1922 a Firenze.

 

 

 

 

 


 

CATALOGO OPERE  

ANTOLOGIA CRITICA: Focus su Francesco e Luigi Gioli

 

VUOI VENDERE O COMPRARE UN QUADRO DI QUESTO ARTISTA?

 

Contattaci per ricevere ulteriori informazioni

nome
cognome
telefono
email
messaggio
Accettazione della nostra privacy policy Accetto
 

 

 


    back
torna indietro


 

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish.