Palizzi Nicola (1820-1870). Biografia. Quadri in vendita.

Nicola-Palizzi-foto

Nicola Palizzi nacque a Vasto il 20 febbraio 1820.

Nel 1842 lasciò il lavoro di fabbro-armiere per trasferirsi a Napoli e iscriversi alla Reale Accademia di Belle Arti come allievo di Gabriele  Smargiassi.

Partecipò alla Biennale borbonica del 1843 e del 1845.

Pur avendo vinto il pensionato a Roma nel ‘48, Nicola Palizzi, a causa dei moti rivoluzionari,  rimase a Napoli.

Qui prese parte alla mostra borbonica con i dipinti intitolati Strada Bonea e Serra nelle vicinanze di Cava.

Quest’ultimo, premiato con la medaglia d’oro, fu acquistato dal re.

Nel 1855 con il dipinto Veduta di Avellino al chiaro di luna, realizzato l’anno precedente, ottenne la medaglia d’oro alla Biennale.

L’anno seguente raggiunse il fratello Filippo a Parigi, rimanendovi per qualche mese.

Nella capitale francese arricchì notevolmente la sua capacità artistica grazie al confronto con  la Scuola di Barbizon, con Camille Corot, e  con il realismo di Gustave Courbet.

Nel 1859 divenne professore onorario dell’Accademia di Napoli.

Espose alle rassegne della Promotrice napoletana  nel 1862, 1863, 1866 e nel 1867.

Nicola Palizzi morì a Napoli il 26 settembre 1870.

La maggior parte dei suoi dipinti  sono conservati presso il Museo Civico di Vasto, sua città natale, e alla Galleria dell’Accademia di Napoli.

CATALOGO OPERE | VUOI VENDERE O COMPRARE UN QUADRO DI QUESTO ARTISTA?