Chierici Gaetano (1838-1920). Biografia. Quadri in vendita.

Gaetano Chierici nacque a Reggio Emilia il 13 luglio 1838. Nel 1851 si iscrisse alla Scuola di Belle Arti cittadina, frequentando il secondo anno di figura e il primo di paesaggio. Proseguì gli studi a Modena e nel ‘58 fu ammesso alla prima classe della Scuola di Pittura all’Accademia di Belle Arti di Firenze, dove vinse il Premio di emulazione per l’Accademia del Nudo ad olio. Beneficiò di una borsa di studio del Pio Istituto Ferrari Bonini, oltre a sostenersi con la riproduzione e la vendita di copie di quadri delle gallerie fiorentine. Nel 1869 partecipò all’esposizione annuale di Brera con Un guaio serio e La maschera, dipinto  quest’ultimo acquistato dall’Accademia di Belle Arti di Milano per  1.500 lire. Nel 1872 fu  nominato socio onorario alla Regia Accademia di Belle Arti di Milano dal Presidente, Conte Belgiojoso. All’Esposizione Universale di Vienna del 1873 presentò tre dipinti: Gioja, Dolore e Il bagno, che gli valse la medaglia d’oro.  Dieci anni più tardi iniziò l’attività di insegnante di disegno elementare di figura e assunse la direzione della Regia Scuola di Disegno per gli Operai di Reggio. Nel 1889, ottenuto un congedo, partì con altri quattro concittadini per un esperimento di colonizzazione agricola nella zona di Cheren in Eritra. L’iniziativa, però, fallì  per alcune difficoltà burocratiche e problemi di salute di Chierici dovuti alla frattura ad una gamba.  In questo periodo numerosissimi furono i quadri inviati ad esposizioni internazionali: Monaco, Amsterdam, Liverpool, Vienna  etc. Sarà proprio il giornale viennese “Neuer Wiener Tageblatt”, nel 1892, a pubblicare una lusinghiera critica del dipinto La prediletta. Nel 1899 entrò a far parte del Consiglio comunale di Reggio nella lista socialista, nel 1900 e 1902 venne eletto sindaco della città di Reggio Emilia. Nel 1907 a causa della salute si dimise dalla direzione della scuola. Nel 1914 venne  nominato accademico onorario dalla Regia Accademia delle Arti del Disegno fiorentina. Nello stesso anno il consiglio superiore delle Belle Arti lo invitò ad offrire un autoritratto alla Galleria degli Uffizi di Firenze. Morì il 16 gennaio 1920 nell’abitazione in Piazza Fontanesi a Reggio Emilia.

CATALOGO OPERE | VUOI VENDERE O COMPRARE UN QUADRO DI QUESTO ARTISTA?